venerdì 8 giugno 2012

Le perle di Ery long edition: "Carina", la commessa!


Mi è capitato spesso di frequentare i negozi della catena "Carina" perché tengono i prodotti dell'Astra e in alcuni anche dei pennelli molto carini(come volevasi dimostrare).  Ma con le commesse ho sempre avuto un rapporto particolare, non che siano poco disponibili, anzi, lo sono anche troppo! La mia prima esperienza l'avevo già raccontata, ma la narrerò nuovamente per chi se la fosse persa, tra parentesi inserirò i miei pensieri:
Entro in negozio e sparata mi dirigo verso il reparto cosmetici, poi mi avvicino alle matite occhi.
Commessa: ti posso aiutare?
Ery: (eccheccavolo no,  la commessa col fiato sul collo no!!! E poi che è questo tu, ho una certa età io!) No, grazie, faccio da sola.
Comincio a guardare con attenzione le matite.
Commessa: ti interessano le matite?
Ery: (ho capito va...) Si, ne cercavo una bianca.
L'amica commessa si volta ed estrae velocemente una matita bianca.
Commessa: Ecco, questa!
Ery: (rapida e chirurgica, brava) Si l'avevo vista, ma non c'è il tester, di solito non scrivono molto le matite di questo colore e volevo provarla.
Commessa: hai ragione, se vuoi puoi provare direttamente questa, so che non si dovrebbe fare ma lo fanno tutte, basta che non pressi troppo la punta.
Ery: (O.O)  eh eh eh, (Evviva l'igiene) no grazie.
Sono rimasta così turbata che quel giorno comprai solo un pennello.




La seconda esperienza è più recente, si riferisce infatti all'acquisto dei miei ombretti soul colour.
Quel giorno li ho provati tutti sulla mano, per poter postare le foto,  Simo mi aveva chiesto notizie e io volevo essere più dettagliata possibile. Questa commessa è stata molto garbata a onor del vero, e  non asfissiante, perlomeno non fino al momento di pagare. Su mia richiesta mi ha pure aiutata a trovare il colore di rossetto che mi interessava. Purtroppo però la vera natura disgustosamente gentile, come dicevo, si è palesata alla cassa. 
La commessa afferra un bottiglione di latte detergente  comincia a intridere un fazzolettino e me lo porge.
Commessa: ecco così può ripulire la mano..

Ery: (noooooooooooooooooooooo! E ora che faccio?) Ehm, no grazie, non c'è bisogno, mi ripulisco a casa.
Commessa: ma no si figuri, prego lo prenda.
Ery: (vuoi vedere che ha capito che tengo un blog  e mi vuole impedire di fare gli swatch?) Ok, grazie.
Con la morte nel cuore ,  con mano tremante comincio a strofinare,  strofinare e... niente, gli ombretti non vano via. Sorriso a 36 denti.
Ery: (si evviva 'sti ombretti sono veramente waterproof!)  Oh resistenti questi ombretti, pazienza mi laverò a casa.
La commessa non si arrende e ripreso il fazzolettino ci versa un'altra dose di latte prima di riporgermelo.
Commessa: così dovrebbe funzionare.
Ery: (ecco lo sapevo lo fa apposta! che faccio le dico che voglio tenerli per fare delle foto? No, non mi pare il caso.) Bene, grazie mille, riprovo.
Strofino, strofino e strofino, e si cancella solo un pochino dell'azzurro. Esulto.
Commessa: sarà un problema ripulire questi ombretti.

Ery: (evvai, non ci speravo proprio resistessero ancora.) Non si preoccupi, a casa li toglierò con lo struccante apposito.







Pago e esco dal negozio con un sorriso da stregatto, 
ma la commessa deve aver lanciato una qualche  specie di maledizione, perché mi è scoppiato un terribile mal di testa, tale da impedirmi di fare le foto.
E voi? Avete "avventure avventurose" capitate in profumerie et similia da raccontare?

(Tutte le immagini, tranne la prima, sono prese da google)

29 commenti:

  1. Da Sephora a Roma con mia sorella un giorno abbiamo beccato una che penso ci lavorasse da poco. Mia sorella cercava un pennello a penna e lei gliene ha portato uno da eye-liner. Poi le ha chiesto se poteva farle il campioncino di una crema e non riusciva in nessun modo a trasferirla dalla confezione grande a quella piccolina da campioncino. A un certo punto la vediamo infilare il dito per prenderla e effettuare il "trasferimento" (per la serie viva l'igiene davvero)!!!
    "Così si fa molto prima"
    "Eccerto!"
    Siamo uscite scioccate 0_0

    RispondiElimina
    Risposte
    1. MA COMEEEEEE!
      Io ci ho lavorato un mese da sephora però cavoli, ci sono le minispatoline apposta!

      Elimina
    2. Doveva aver seguito lo stesso corso di preparazione della prima commessa di cui ho narrato. :)
      Drama lo sappiamo che non si può generalizzare, tu ad esempio sei preparata sull'argomento, però una che infila il dito dentro la crema o ti incita a provare la matita in vendita fa rabbrividire!

      Elimina
    3. Hai ragione Ery!
      Poi la commessa *Carina* che hai beccato tu aveva anche le migliori intenzioni e non ci ha pensato, però sono proprie cose che vanno contro il buon senso..

      Elimina
    4. Ma infatti siamo rimaste allibite perchè da Sephora sono sempre tutte superprofessionali...Una cosa del genere me la posso aspettare nella profumeria del mio paesino sperduto (dove non conoscono l'esistenza del tester!)...secondo me si trovava proprio lì per caso

      Elimina
  2. ahahahah ma dai non è possibile!! Non mi è mai capitata una cosa del genere!

    RispondiElimina
  3. Alloa Gardenia volevo una matita labbra e la commessa mi ha provato sulla mano una di quelle in vendita....ancora una volta....W l'igiene!!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Questa doveva essere la stessa che ha cambiato negozio. ;)

      Elimina
  4. Ahahahah meravigliosa la seconda XD Comunque anche l'altra, che igiene oh...io avevo scritto un post a proposito delle commesse succhiasangue, i peggiori però li trovi da Fool Locker. Non entrarci, mai.
    p.s.: sai che non ho mai visto un negozio "Carina" in vita mia??

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si mi ricordo di averlo letto. Beh da Foot Locker non c'è pericolo che io entri. :D
      Ma sai credo che questa catena sia maggiormente diffusa al sud, soprattutto nella mia provincia.

      Elimina
  5. Ahahahahahah adoro questi post! Però la commessa che ti incita a provare la matita in vendita proprio non si può sentire!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si, infatti quel giorno non ebbi il coraggio di comprare cosmetici.

      Elimina
  6. ahahah fortissimo questo post!! anche se la prima commessa mi ha lasciata allibita! 0.0

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si. Pensavo a come sono combinati gli stand essence, forse anche le commesse Ovs usano lo stesso sistema e solo le beauty blogger non se ne sono rese conto? ;P

      Elimina
  7. complimenti! se vuoi passa da me!

    RispondiElimina
  8. mamma mia che commesse XD Quella della matita veramente lascia allibite O.o
    Al momento non mi viene in mente nessun episodio in particolare,però se ne vedono in giro di cose strane eh!

    RispondiElimina
  9. Che nervi le commesse che ti stanno col fiato sul collo!! Considerato per di più che spesso e volentieri siamo più competenti di loro, non so se ridere, infastidirmi o dargli corda...
    In ogni caso, paradossalmente, spesso è un atteggiamento che mi infastidisce.
    Comunque le peggio del peggio per me sono diventate le commesse di Kiko! Sono diventate insopportabilmente disponibili!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Pure sulle commesse Kiko ho un simpatico aneddoto. Prima o poi ve lo racconto.

      Elimina
  10. Io con le commesse sono tremenda me ne rendo conto, ma è una questione di sopravvivenza giuro! Intanto non devono azzardarsi a fare le confidenziali, perché le fulmino seduta stante... " Ciao cosa ti serve" è la loro morte! A bella ho 33 anni tu, purtroppo ne hai 15 di meno, mi lasceresti vivere beatamente please? quelle di Kiko poi sono moleste davvero, hanno sempre una cremina, piumina, ciccina da venderti... stalker ecco cosa sono! P.S. Grazie per esserti swatchata le mani con gli ombrettini Astra, so che alla fine il "fato" non ha voluto fartele postare, ma ho apprezzato il pensiero...

    RispondiElimina
  11. Dimenticavo, ti rispondo qui': io li ho usati con una long lasting Kiko, la n°07 un beige dorato, niente primer... andavo di fretta! Per la Rebel, cacchio ma sono passati gli sciacalli... si sono finiti uno stand intero? io puntavo il blush da una vita... tristezza! baciiiii

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ok grazie. Per la rebel c'è da dire che c'erano due e dico letteralmente due prodotti per ogni tipologia, pensa che del blush si erano presi anche il tester.:)

      Elimina
  12. Odio le commesse troppo preseti tipo quelle che trovi da sephora, sono insopportabili, mi fanno scappare la voglia di acquistare. Sono una tua nuova follower! Valeria


    www,luggageandhighheels.com

    RispondiElimina
  13. Le commesse OVS cazziano chi apre i prodotti, ma per evitare il casino che fanno le clienti nei banchi Essence, ci vorrebbero due piantoni!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si infatti la mia era solo una battuta. Alla fine la colpa è, oltre che delle persone maleducate, dell'azienda che non mette nessun tipo di sigillo nei prodotti, basterebbe anche un poco di scotch al limite.

      Elimina
  14. Me l'ero perso questo... No beh, io credo che sarei impazzita con una commessa del genere. Come (una volta mi è capitato) quelli che ti seguono a distanza, come se dovessi rubare, e poi appena prendi in mano qualcosa, o pucci un dito in un tester, ti dicono: "Quello è un illuminante, per enfatizzare alcuni punti del viso", oppure "Questo mascara ha lo scovolino curvo, così piega le ciglia e le fa sembrare più folte e curve". Grazie, lo so, probabilmente meglio di te. E se non lo sapessi, c'è scritto sullo stand/sulla confezione. Non mi assillare! Ti è mai capitato?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Da sephora e in alcuni negozi kiko, è un cosa fastidiosissima.

      Elimina

Commentando si accetta il consenso al trattamento dati ai sensi dell'art. 23 D.Lgs 30 giugno 2003 n°196 "Codice in materia di trattamento dati personali
Politica sui cookies

LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...